L’asciugatrice rappresenta ormai anche nel “soleggiato” Sud Italia, un elettrodomestico indispensabile in casa, per la sua capacità di facilitare il lavoro di asciugatura dei capi, specie in inverno quando, tra umidità e basse temperature, diventa un problema non di poco conto. Nonostante si stiano diffondendo sempre di più però, non tutti hanno ben chiaro il loro funzionamento e quali siano i piccoli accorgimenti da adottare per ottenere capi perfettamente asciutti e profumati: scopriamone alcuni insieme

consigli per l'asciugatrice

L’asciugatrice necessita esclusivamente della presa elettrica e non ha bisogno di collegamenti idraulici, in quanto l’acqua che viene assorbita dai capi confluisce in una bacinella che va periodicamente svuotata. Questo aspetto risulta determinante: in mancanza di spazio in bagno, possiamo posizionarla in qualsiasi altra stanza della casa con una presa elettrica.

Prima di essere sottoposti al processo di asciugatura gli indumenti vanno attentamente selezionati secondo la composizione del tessuto e il grado di asciugatura scelto: controllate sempre l’etichetta con le indicazioni di lavaggio che vengono riportati sui vestiti, in modo da agevolare la divisione dei capi e assicuratevi che il bucato caricato sia stato centrifugato per bene dalla lavatrice, in modo che l’asciugatrice possa lavorare meglio e più velocemente, risparmiando tempo ed energia.

Per evitare di stropicciare troppo i vestiti durante il processo di asciugatura, è bene non caricare troppi capi all’interno del cestello; generalmente si tende a scegliere un’ asciugatrice che abbia almeno lo stesso carico della lavatrice: un’asciugatura più ordinata inoltre è la chiave per ridurre al minimo l’impiego del ferro da stiro.

Grazie alla loro azione ad aria fredda inoltre, le asciugatrici sono perfette per rinfrescare i capi che, a causa di una lunga permanenza nell’armadio, magari in ambienti molto umidi, hanno assunto quel fastidioso odore stantio.
I programmi “refresh” invece permettono, in circa 30/40 minuti, di togliere gli odori sgradevoli dai vestiti, anche quelli più persistenti come ad esempio il fumo di sigaretta.

Un aspetto di cui dovete tenere conto è sicuramente l’orario di utilizzo dell’asciugatrice. Tutti i fornitori di energia elettrica ormai prevedono alcune fasce orarie con tariffe diversificate in base al consumo.
Concentrare l’utilizzo dell’asciugatrice nelle fasce orarie meno costose (generalmente la notte, nei week-end e nei giorni festivi) è un modo efficace per ottenere una sensibile riduzione dei consumi di questo elettrodomestico.

Infine, come per ogni elettrodomestico la manutenzione è fondamentale:
la maggior parte delle asciugatrici dispone di due filtri, uno posizionato nel cestello, che andrebbe pulito ad ogni asciugatura (niente paura: si tratta di un’operazione da 20 secondi), e quello all’interno del condensatore che, a seconda di quanto spesso viene utilizzata la macchina, va controllato e pulito con meno frequenza, mediamente una volta al mese.

Ora che ne sapete qualcosa in più sul funzionamento e sulle buone prassi da mettere in atto quando vi apprestate ad utilizzare un’asciugatrice, perchè non date un’occhiata alla nostra sezione dedicata sul sito o non venite a trovarci in negozio per conoscere tutte le ultime novità dell’autunno? E con il finanziamento a tasso 0 i vostri acquisti sono più leggeri! Vi aspettiamo!

#TranquilliDopoOgniAcquisto

Add Comment